Lo stile inglese nella sportività italiana

Lo stile inglese nella sportività italianaL’Italia, quando si tratta di moda, non teme davvero confronti. La perizia artigianale, la creatività del design e l’eccellenza di un sistema fashion riconosciuto in tutto il mondo non solo elevano il Belpaese ma lo rendono un esempio per tutte le altre Nazioni.


Tuttavia, anche i migliori maestri non disdegnano fonti d’ispirazione, in particolar modo se improntate ad un mood dall’aplomb impeccabile come quello d’Oltremanica
Se poi i consigli di stile, oltre ad essere dettati dai cugini britannici, provengono direttamente da casa Windsor, allora conviene proprio farne tesoro, soprattutto se si vuole imparare ad impreziosire le mise casual servendosi di un glamour altolocato, rigoroso e decisamente aristocratico.


E’ proprio questa intrinseca raffinatezza, infatti, a conquistare nel tradizionale stile inglese, capace di donare un’allure regale anche quando ci si trova immersi nel fango della brughiera. 
Basti pensare alle tenute sporty sfoggiate dai reali che, alle prese con gare di caccia o durante lunghe passeggiate in splendidi paesaggi campestri, non evitano affatto gli outfit relaxed ma sono in grado di declinarli in maniera tale da mantenere quel contegno irresistibile, così deliziosamente e tipicamente british!


Ad aiutarli nel riproporre una moda di classe concorrono sicuramente capi d’eccezione, come l’intramontabile Barbour, trasformato in un cult dall’indimenticabile Lady Diana: come non ricordare la splendida e dolce principessa, che spesso finiva sui rotocalchi ritratta con l’immancabile cappuccio? Emblema del country style d’ispirazione britannica, la giacca cerata perfetta per i climi umidi, tanto in voga nei Nineties, è diventata nel tempo simbolo di un’eleganza discreta ed essenziale, mai abbandonata dai sovrani. Non è un caso, infatti, che ancora oggi la signora Barbour sia spesso invitata a pranzo dalla regina Elisabetta e che, nei momenti di pausa, tra un the e qualche chiacchera, approfitti per prenderle personalmente le misure. 


Altri pezzi leggendari, che non possono mancare nel guardaroba di un inglese doc, sono poi gli irrinunciabili Wellington boots, meglio conosciuti come stivali da pioggia. E non si pensi che queste calzature in gomma, rustiche e un po’ selvagge, non siano adatte alle tenute easy chic: basta indossarle sopra ai pants millerighe ed esibire con nonchalance pesanti calzettoni risvoltati a contrasto per essere pronti ad affrontare non solo le situazioni più impervie ma anche improvvisati shooting fotografici: Kate Middleton docet!


Continuando con l’elenco dei must have, è impossibile non citare i classici pantaloni in fustagno, che danno il meglio di loro stessi abbinati con lunghi e pesanti gilet a prova di vento: per rendere l’ensemble più chic e ricercato, via libera a camicia e cravatta. L’accessorio maschile per eccellenza, in questo caso, sarà perfetto anche per le donne che, cingendosi il collo con ties bon ton, potranno ostentare un delizioso look mannish!


Una menzione a parte la meritano infine i copricapi: dal berretto piatto in tweed fino al modello a tesa larga dall’evidente ispirazione western, il cappello è sempre il benvenuto per completare un look pratico e funzionale ma comunque curato. 


Le ragazze che cercano qualcosa di più sofisticato, se amano il vintage, potranno invece prendere esempio dalla Regina madre, osando un foulard raffinato dal piglio retrò, magari con decori naturali su fondo verde.


Perché, oltre che per i capi, lo stile country inglese si differenzia per le nuance: dall’iconico English green a tutte le sfumature del marrone, per non sbagliare basta affidarsi ai colori degli alberi e della terra, oppure lasciarsi ispirare dallo stile inconfondibile di Beretta: la sua linea di abbigliamento tattico o sportivo, distinta e raffinata, combina sportività e creatività nostrane con tutta la raffinatezza dell’hunter style!

Add a Comment