Le strade più belle della Lombardia
763
post-template-default,single,single-post,postid-763,single-format-standard,cookies-not-set,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive

Le strade più belle della Lombardia

Abitanti della Lombardia o semplici appassionati di percorsi in moto o in macchina, sappiate che pochi km fuori da Milano ci sono delle strade mozzafiato utili per poter passare una splendida giornata fuori porta! Dal Lago di Como a quello Maggiore o quello di Garda, alle Prealpi e alle Alpi: questa regione è un vero e proprio tesori di panorami mozzafiato!

Gromo, la fortezza verde

Gromo è un pittoresco borgo fortificato di montagna, che si è praticamente conservato tutto. Si eleva sul corso del fiume Serio, sulla punta di una roccia che quasi sbarra la valla e alle pendici dei monti Redorta e Secco.

Questo borghetto nasce prima del X secolo e divenne nel corso del Medioevo un centro importantissimo per la produzione di armature e armi bianche. Oltre ad avere un bel centro storico, con architetture ricercate e appariscenti che testimoniano un passato ricco e di prestigio, i visitatori possono provare delle tipicità gastronomiche come la Formaggella Val Seriana, lo stracchino e i casoncelli.

Porana e la brezza campagnola

Porana è invece nel pavese, ed è un altro borghetto che si trova abbastanza vicino a Voghera. Nel Duecento era parte del Contado pavese e aveva un castello di proprietà dei Balduini (potente famiglia di Voghera), che però fu abbattuto nel Quattrocento.

Porana si trova quindi immersa nella pace campagnola e tutto gravita introno alla Chiesa di San Crispino, parte di un ambizioso progetto architettonico che include Villa Meroni e il suo parco con giardini all’italiana, l’edificio dell’ex asilo ora in abbandono, e divere cascine.

Insomma, una “povertà” architettonica che lascia spazio ad una ricchezza paesaggistica e alla vera atmosfera di campagna, con un territorio ancora intonso, non toccato da quell’abusivismo edilizio che in altri luoghi ha trasformato le cascine in ville pacchiane.

Per chi ama i viaggi a due o quattro ruote, questo è l’ideale per perdersi tra le campagne e respirare un po’ dell’antica e semplice Lombardia.

Bienno, il cuore del ferro

Ora siamo in Val Grigna, e per chi non conosce Bienno sappiate che sarà per voi una bellissima coperta. Questo piccolo paese sul lato settentrionale del torrente Grigna è il cuore pulsante del ferro, che lo ha letteralmente forgiato e dove dal XI secolo sono nate e cresciute segherie, mulini e ruote idrauliche usate proprio per forgiare il metallo.

Questo ha arricchito il borgo, facendo sì che vi sorgessero palazzi, strade, edifici sacri e i tresendei, dei piccoli vicoletti molto suggestivi da girare a piedi o in moto. Comunque, Bienno offre due itinerari: quello del Vaso Re, più immerso nella storia produttiva del borgo; e quello del Borgo delle pietre, che vi mostrerà tutte e 7 le torri del paese.

Ottima anche la storia culinaria, con i ravioli di lesso o arrosto, salsiccia, pane grattugiato, sale, uova, prezzemolo e guarniti con burro fuso e formaggio locale.

Dal Lago di Como al Lago Maggiore

Lago di Como

Non si possono non citare i laghi, se si parla della Lombardia! In particolare, su quello di Como c’è Statale Regina, una strada che con alcune modifiche segue ancora l’antica Via Regina. Parte da Como e costeggia tutta la riva occidentale del lago, con un percorso molto spesso stretto e tortuoso che vi porterà fino a Menaggio, un famoso centro costiero, attraverso le località di Colonno, Sala Comacina, Lenno, Ossuccio, Brienno, Laglio e altri borghi suggestivi.

Lago Maggiore

L’altro lago a pochi passi da Milano è il Lago Maggiore, sul confine col Piemonte e caratterizzato da curve e tornanti che circondano stupendi panorami. Si parte da Sesto Calende per andare a Laveno di Mobello per ammirare le Cascate di Cittiglio e poi immergersi nella bellissima natura.

Si va a Vararo, a monte, per poi tornare sulla riva e prendere la direzione che porta in Svizzera, passando per il Lago Delio, che essendo sopra il Maggiore vi consente di ammirarlo in tutta la sua grandezza. Si continua sulla costa occidentale del lago, approdando su diverse cittadine tra cui Cannobbio, Baveno e Stresa.

No Comments

Post a Comment