Le batterie per auto al nichel-cadmio
757
post-template-default,single,single-post,postid-757,single-format-standard,cookies-not-set,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive
batterie per auto al nichel

Le batterie per auto al nichel-cadmio

Le batterie per auto non sono tutte uguali, nel tempo sono state sperimentate e sviluppate differenti tecnologie anche per tutti i modelli di auto e di alimentazione che nel tempo continuano ad essere presentati. In questo articolo si parla degli accumulatori al nichel-cadmio, andando a capire cosa sono e come funzionano.

Chimica complessa

Le batterie per auto al nichel-cadmio – che chiameremo NiCd secondo abbreviazione standard – sono tra i modelli più diffusi di batterie per auto ma non solo, perché si usano anche in apparecchi elettrici, nei telefoni cordless e wireless, in quella che viene definita illuminazione d’emergenza e altri apparecchi elettrodomestici o simili.. Questa tecnologia sfrutta la reazione chimica di due metalli, appunto il nichel (Ni) e il Cadmio (Cd).

Queste batterie per auto sono tendenzialmente più vantaggiose di quelle al piombo-acido grazie a un migliore rapporto peso-potenza e ad una più lunga durata nel tempo. Non a caso vengono usate come batterie per auto anche elettriche e come motori di avviamento per gli aerei. Sfruttano una tensione di 1,2V e mantengono tale tensione decisamente più costante durante il loro periodo di attività. Infatti, siccome molti dispositivi funzionano ad una media di circa 0,9 Volt/Cella appare evidente come gli 1,2 delle batterie per auto NiCd siano decisamente ottimi e sufficienti. Ad ogni modo questa tensione continua fa sì che capire quando si esaurisce la loro carica sia decisamente difficile e per questo occorrono sistemi di rilevazione molto sofisticato.

Ad ogni modo, pur avendo dei valori più bassi e pur richiedendo una scarica totale prima della loro ricarica, questo tipo di batterie per auto rappresentano il migliore investimento in questo tipo di mercato perché hanno una bassa resistenza in serie che le rende capaci di rilasciare molta energia, requisito assolutamente fondamentale per i mezzi di locomozione (non solo le auto) e anche per altri dispositivi ad energia grande e repentina, come i flash delle macchine fotografiche. È importante sapere comunque che ci sono altre potenze energetiche, oltre al singolo accumulatore da 1,2V. Vengono infatti progettati dei pacchetti con più elementi connessi tra loro in grado di erogare da 7,2 a 12 V.

Una storia che viene dal nord

L’origine di questo tipo di batterie per auto la si trova in Svezia, dove nel 1899 Waldemar Jungner fabbricò il primo esemplare di batteria NiCd. Siamo quindi a livelli di antichità pari solamente alle batterie al piombo, che infatti al periodo erano le sole rivali. I primi modelli di batterie per auto NiCd erano molto robuste sia a livello fisico che chimico ma con una più grande densità energetica, maggiore di circa il 50%.

Circa undici anni dopo, nel 1910 in Svezia fu costruita la prima società di produzione di questo tipo di batterie, ed è curioso come tale tecnologia di accumulatori giunge negli Stati Uniti nel 1946, oltre trent’anni più tardi. In questo periodo queste batterie per auto divennero più piccole ed erano fatte da un guscio di metallo contenente al suo interno il nichel e il cadmio in lamine realizzate mediante fusione di polvere di nichel a una temperatura più bassa del normale ma ad alti valori di pressione. Le lamine vengono poi immerse in nichel e cadmio attivi per caricarle elettricamente. La tecnologia si è evoluta al punto che negli ultimi anni si creano batterie al nichel-cadmio con resistenze al loro interno basse esattamente come quelle delle pile alcaline e i produttori usano la struttura jelly-roll ovvero una forma cilindrica che riesce a meglio contenere le disposizioni di anodi e catodi.

Quali batterie per auto sono più adatte al vostro veicolo? Forse proprio quelle al nichel-cadmio! Scopritelo, se dovete cambiare il vostro accumulatore che ormai ha fatto il suo tempo, scegliendo il modello della vostra auto e prenotando anche un appuntamento nei laboratori messi a disposizione dal sito per farvi cambiare la batteria, in modo da avere un risultato sicuro, garantito e di qualità. Info maggiori sul sito

No Comments

Post a Comment