Honda forza: il principe arriva in città

La linea maestosa del nuovo Honda Forza nasconde sorprese inaspettate. La più incredibile? Il propulsore da soli 125 cm3. Non abbiate timore: Honda ha progettato un monocilindrico in grado di regalare prestazioni elevate e consumi incredibilmente contenuti. La percorrenza media è di ben 43,5 chilometri per ogni litro di carburante, la velocità massima prossima ai 120 km/h. La Casa giapponese ha lavorato di fino sul piccolo monocilindrico; si tratta dell’evoluzione del celebre propulsore cSP (cnhanced Sana Power) dotato di distribuzione monoalbero a quattro valvole e cilindro. L’inedito motore è caratterizzato da bassissimi attriti interni, da una camera di combustione estremamente compatta ed è alimentato dall’iniezione elettronica PGM-FI servita da un airbox da ben 4,7 litri. E proprio grazie a questa attenta ricerca meccanica, e al sistema Start&Stop (che spegne automaticamente il propulsore quando rimane più di tre secondi al regime di minimo con i freni azionati) che il “piccolo” computer Honda riesce ad essere così scattante, veloce e parco nei consumi. Le sorprese, però, non si limitano solo ai dati tecnici e alle prestazioni. Il Forza 125 è nato per attirare un pubblico eterogeneo, attento anche allo stile e al piacere di guida. Ci riesce: il comfort di marcia è assicurato da una silenziosità meccanica invidiabile, da vibrazioni ridottissime e da un’ergonomia pressoché perfetta. L’ampio e ben imbottito sellone (posizionato a soli 780 mm dal suolo) è in grado di offrire un comodissimo appoggio a piloti di ogni stazza, anche su lunghe percorrenze, mentre la pedana (con tunnel centrale) offre la necessaria libertà di movimento alle gambe e ai piedi, per nulla disturbati dalle movimentate linee del retroscudo. Il riparo aerodinamico è ottimo grazie all’ampio parabrezza regolabile su 6 posizioni (con un’escursione effettiva di ben 120 mm) mentre le possibilità di stivaggio sono assicurate da un vano sottosella di grandissima capacità (ben 48 litri) capace di contenere due caschi integrali. Per i piccoli oggetti non manca una pratica tasca anteriore servita da una presa a 12 Volt attraverso la quale è possibile ricaricare il cellulare e i vari dispositivi portatili. Nessuna rinuncia nemmeno in termini di sicurezza: il Forza 125 è offerto di serie con un impianto frenante che sfrutta dischi di grandi dimensioni e un ABS a due canali. Veloce, sicuro, comodo, sì. E anche bello: le linee aggressive si sposano alla perfezione con proporzioni da GT e non mancano dettagli da mezzo di fascia premi : l’impianto di illuminazione (compresa la hice targa e con la sola esclusione degli indicatori di direzione) è a led e la strumentazione vanta una soluzione mista analogico-digitale impreziosita da un generoso display a matrice negativa al cui interno vengono visualizzati anche i dati di consumo. Il piacere di guida è figlio di una ciclistica inedita e perfettamente intonata alle capacità del mezzo: al telaio in acciaio con trave dorsale è vincolata una forcella con steli da 33 mm mentre sul gruppo propulsore-trasmissione (a sbalzo) lavora una coppia di ammortizzatori regolabili nel precarico molla (su 7 posizioni). Le ruote di grande diametro (da 15″ all’anteriore e 14″ al posteriore) regalano stabilità e precisione di guida: la tenuta di strada è infatti elevatissima, anche a ritmo sostenuto mentre buche e asperità, purtroppo non rare nelle nostre città, vengono assorbite senza contraccolpi ne’ incertezze. Il nuovo commuter Honda si posiziona in una fascia di prezzo alta: i 4.590 Euro richiesti per l’acquisto possono sembrare molti per un ottavo di litro ma la dotazione, la qualità costruttiva e la versatilità riescono a giustificare la spesa. Il Forza 125 può diventare un invidiabile alleato nel quotidiano e ha tutte le carte in regola per entrare nella “wishlist” di chi cerca un mezzo sicuro, agile; scattante e raffinato. Con una ventina di Euro di benzina riempirete il serbatoio da 11,5 litri e vi assicurerete un’autonomia vicina ai 500 chilometri. Anche questo significa risparmiare, no?

Add a Comment