Ford Focus ST: 280CV di puro divertimento! - Gps Lombardia
814
post-template-default,single,single-post,postid-814,single-format-standard,cookies-not-set,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive
Ford Focus ST

Ford Focus ST: 280CV di puro divertimento!

Ford Focus ST si rinnova nel 2019, aumentando i cavalli e il divertimento, mantenendosi comunque ad un prezzo molto abbordabile, adatto per chi cerca una vettura comoda e spaziosa, non molto costosa se paragonata alle concorrenti, e soprattutto estremamente divertente. E non solo per quanto riguarda il motore! La nuova Ford Focus ST possiamo quasi dire sia unica nel suo genere: ad oggi infatti le concorrenti dirette sono Hyundai i30N (anche Fastback) e la Renault Mégane RS, le uniche che più o meno allo stesso prezzo offrono le stesse caratteristiche e le stesse prestazioni. Ma andiamo a conoscere un po’ meglio questo nuovo gioiellino della casa americana.

Esterni della Ford Focus ST

Rispetto alla versione “normale”, questa Ford Focus ST non si discosta molto. Aggiunge e toglie quei dettagli semplici ma fondamentali, che un appassionato riesce a cogliere subito. Saltano all’occhio paraurti e minigonne abbassati, e i due grintosi scarichi posteriori. Salta all’occhio anche l’assenza del logo Focus presente sulle versioni più tranquille, qui sostituito dalla sola presenza del logo ST presente sul portellone posteriore, sulla griglia nera a nido d’ape anteriore, e all’interno sul volante e sui tappetini. Molto particolari anche i due colori in cui la vettura viene proposta: blu Ford e lo stravagante arancione ST, caratteristico di tutte le Focus ST da due generazioni. E non dimentichiamoci, naturalmente, dei cerchi da 19” che riducono la spalla dello pneumatico (e fanno sentire tutte le buche, ma è normale su quest’auto), e dei fari anteriori bruniti full LED, così come quelli posteriori.

L’interno ha un effetto molto meno “wow”, nel senso che è praticamente lo stesso della Focus normale se non per lo sterzo tagliato in basso e i comandi al volante che includono le modalità di guida, tra cui quella sportiva che va a sfruttare tutti i 280CV di questa Ford Focus ST. Peccato che per un prezzo di circa 40.000 euro ci siano troppe plastiche dure, che unitamente al display touch centrale a mo’ di tablet dà proprio una sensazione cheap. L’assemblaggio, chiariamoci, è molto curato, solido, non scricchiola; e va bene che siamo su una sportiva economica, ma stiamo sempre parlando di un’auto sopra i 30.000 euro!

I sedili Recaro sono l’altro elemento che distingue gli interni della Focus ST da quelli della Focus tradizionale: belli, comodi, ma chi è troppo alto li troverà eccessivamente contenitivi. L’abitabilità è buona, anzi la Focus si riconferma anche nella Ford Focus ST una delle segmento C più spaziose della categoria. Davanti non si può proprio dire nulla, mentre dietro nella versione 5 Porte hatchback specie chi è molto alto soffrirà un po’. In quel caso, allora, meglio puntare sulla Wagon che offre molto spazio in più, anche nella versione ST! 

Questione di Sound

Ma la Ford Focus ST pur derivando da una familiare non punta tanto alla famiglia, quanto al divertimento e al suono di cui si può godere. Un suono dato sia dal rombo del motore da 280CV benzina (che però porta anche il superbollo, quindi molti preferiranno rimanere sul 190CV diesel) sia dal sistema audio sviluppato in collaborazione con Bang&Olufsen che garantisce una riproduzione musicale senza eguali, con bassi molto profondi e alti mai gracchianti. In soldoni, senza tirarla per le lunghe, se avete un po’ di denaro da spendere, e per voi l’auto è prima di tutto un divertimento, allora troverete pane per i vostri denti in questa Ford Focus ST!

No Comments

Post a Comment