Come eliminare il calcare dalla lavatrice
719
post-template-default,single,single-post,postid-719,single-format-standard,cookies-not-set,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive
Come eliminare il calcare dalla lavatrice

Come eliminare il calcare dalla lavatrice

La lavatrice è un elettrodomestico indispensabile dentro casa e anche se oggi è possibile acquistarne una con numerosi sconti e a prezzi decisamente buoni, prendersene cura e dedicarsi a un po’ di manutenzione saltuaria è indispensabile per mantenerla sempre in buono stato. Il calcare, per esempio, è il nemico numero uno della lavatrice: come eliminarlo in modo semplice e pratico? Ecco allora tutto quello che c’è da sapere in merito e quali sono in questo caso i migliori alleati naturali.

Come eliminare il calcare dalla lavatrice

La lavatrice è uno degli elettrodomestici più semplici da utilizzare e molto spesso, presi da movimenti automatici, non ci rendiamo conto che, al suo interno, il cestello può riempirsi di calcare. Sì perché questo elettrodomestico, essendo sempre a contatto con l’acqua, è soggetto a formazioni calcaree esattamente come le superfici e la rubinetteria del bagno della cucina. Se la lavatrice è nuova il problema non si pone, o almeno non nell’immediato, ma quando sono già passati un po’ di mesi, e un bel po’ di lavaggi, forse è il caso di informarsi sul benessere dell’elettrodomestico.

In altri casi, invece, è il problema a presentarsi. Se notate che i vostri panni sono un po’ ingrigiti e avete la sensazione di tirare fuori dal cestello un bucato non proprio profumato, la causa potrebbe essere proprio il calcare che si annida all’interno nel cestello della lavatrice. La situazione viene ulteriormente confermata nel caso in cui, estraendo i panni alla fine del lavaggio, sentite uno spiacevole odore all’interno del cestello. Se vi trovate in questa situazione, non ci sono dubbi: è giunto il momento di fare un po’ di manutenzione alla lavatrice e di controllare il buono stato del cestello, dei tubi e del filtro.

La durezza dell’acqua

Ma da dove partire? Innanzitutto è utile capire che tipo di acqua entra in contatto con la nostra lavatrice ogni volta che la usiamo. L’acqua, a seconda della presenza di ioni di calcio e magnesio che entrano a contatto con i sali contenuti nell’acqua stessa, può essere dura, media e dolce.

Se avete qualsiasi dubbio sul tipo di acqua che rifornisce la vostra casa, la prima cosa da fare è fare una ricerca per regioni, città e singoli comuni. Bastano pochi click e direttamente on line potrete avere accesso alle mappe che indicano la durezza dell’acqua in tutte le regioni d’Italia. Se scoprite che la vostra acqua è dura, avete certamente un problema in più degli altri, perché significa che la vostra acqua è molto ricca di calcare e che, di conseguenza, la lavatrice va trattata in modo tale da ridurre la presenza di calcare all’interno del suo cestello per preservare bucato ed elettrodomestico.

In linea generale, le uniche regioni che dispongono di un’acqua dolce sono la Sardegna, l’Umbria e il Friuli Venezia Giulia, mentre Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Veneto, Trentino, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata e Puglia hanno un’acqua media. Le regioni che, invece, hanno un’acqua dura solo Lombardia, Toscana, Lazio, Sicilia e Calabria, mentre Marche ed Emilia Romagna hanno un’acqua molto dura.

I rimedi contro il calcare nella lavatrice

È vero che sul mercato esistono numerosi prodotti che promettono miracoli contro il calcare. Alcuni di questi vengono venduti in pastiglie, da mescolare direttamente al detersivo, nel cestello o all’interno del cassetto, che hanno la funzione di sciogliere il calcare all’interno del cestello della lavatrice. In molti casi, all’interno della scatola di questi prodotti, viene allegato anche uno striscio che, all’interno di un bicchiere d’acqua, è in grado di misurare la durezza dell’acqua e quindi la presenza del calcare.

La nota negativa di questi prodotti è senza dubbio il prezzo, anche se spesso molti consumatori si esprimono in modo positivo riguardo la qualità del prodotto. Il problema, però, è che soprattutto nel caso si abbia a che fare con un’acqua molto dura è necessario inserire l’anticalcare a ogni lavaggio. Fate un breve calcolo prendendo in considerazione il prezzo del prodotto e la quantità dei lavaggi che avviate ogni settimana, e il risultato è presto detto.

Spesso con quella stessa cifra è possibile acquistare direttamente una lavatrice nuova. Ci vuole qualcosa di decisamente più economico, quindi, e di più naturale, in modo da preservare il portafoglio, ma anche l’ambiente

Quello che non tutti sanno, però, è che nelle nostre dispense c’è già tutto quello che servirebbe per eliminare il calcare dalla lavatrice. Se è vero, infatti, che con un po’ di impegno e di pazienza è possibile preparare a casa il sapone per i piatti, quello per lavare i pavimenti e un detergente multiuso per le superfici, allo stesso modo è possibile preparare una soluzione fai da te che elimini il calcare dalla lavatrice.

I migliori alleati, in questo caso, sono aceto bianco e bicarbonato di sodio, due ingredienti molto semplici e presenti in qualsiasi casa che possono diventare dei preziosi alleati contro il calcare che si annida nella lavatrice. Aceto e bicarbonato hanno ottimi poteri igienizzanti e disincrostanti e aiutano a eliminare la sporcizia dalla lavatrice abbattendo anche i costi sui prodotti commerciali.

No Comments

Post a Comment