Che cosa fa un commercialista?
824
post-template-default,single,single-post,postid-824,single-format-standard,cookies-not-set,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive
studio contabile

Che cosa fa un commercialista?

Curioso di conoscere cosa fa un commercialista? Vuoi scoprire ogni singola mansione? Leggi l’articolo, te lo spieghiamo noi.

Molti ragazzi, alla fine delle superiori, si chiedono cosa fare da grande. C’è chi ama la matematica, chi ama l’arte, chi le lingue. E c’è anche qualcuno che vuole intraprendere la carriera come commercialista, tra bilanci e conto economici. Ma come fare per diventare un bravo professionista? Quali studi intraprendere?

Scopri quello che fa un commercialista leggendo l’articolo sottostante.

IL COMMERCIALISTA: mansioni e principali responsabilità

Il commercialista, conosciuto anche come dottore commercialista, è un libero professionista con elevate competenze in materia di fisco, ragioneria e contabilità.

E’ laureato in discipline economiche aziendali, fiscali o finanziarie, e, per poter svolgere la sua attività, deve essere iscritto in un apposito ordine professionale, dopo aver svolto un periodo di praticandato.

Le sue maggiori competenze riguardano:

  • la contabilità;
  • il fisco;
  • diritto commerciale, diritto tributario e diritto del lavoro

Il commercialista può svolgere la sua attività di consulenza:

  • sia presso un’azienda, come un semplice impiegato;
  • sia da libero professionista presso uno studio professionale.

Infatti, oltre che a redigere redditi e bilanci di privati cittadini e aziende, può svolgere attività inerenti agli adempimenti:

  • fiscali, come la compilazione della dichiarazione dei redditi;
  • contabili come la redazione di bilanci e la tenuta della contabilità;
  • di diritto societario come la costituzione di una società e la definizione dello statuto);
  • di diritto fallimentare e del lavoro.

Inoltre, se una persona sogna di aprire una nuova attività, il commercialista, insieme al notaio, rappresenta una delle figure professionali di riferimento. Questo perché, grazie alle sue competenze, consente di dare un pieno ed efficace supporto in tutta la fase della costituzione dell’azienda.

Ecco quali sono le maggiori mansioni che svolge un commercialista:

  • presta consulenze in campo fiscale-tributario;
  • supporta le aziende nelle fasi di start up o di riorganizzazione;
  • tiene la contabilità del cliente attraverso la registrazione contabili, esegue la dichiarazione dei redditi e il bilancio d’esercizio;
  • rappresenta le imprese e gli enti davanti agli organi della giurisdizione tributaria:

Per svolgere tali mansioni, il commercialista deve avere competenze in diversi ambiti, come:

  • legislazione tributaria e fiscale,
  • contabilità e analisi di bilancio;
  • tecniche di revisione legale dei conti;
  • procedure di registrazione dei documenti contabili;
  • diritto societario e fallimentare;
  • analitiche e matematiche.

Proprio per la sua professionalità, il commercialista ha moltissime responsabilità. E proprio per tale motivo, rispetto al ragioniere o ad un esperto contabile, il commercialista per esercitare la sua professione deve essere laureato.

Infatti, per diventare Dottore Commercialista, è obbligatorio conseguire la laurea in Economia e Commercio. Successivamente, bisogna svolgere almeno 18 mesi di praticantato presso lo studio di un Dottore commercialista iscritto all’Albo. Infine, sostenere l’esame di abilitazione alla professione.

Dopo aver superato l’esame di Stato, per poter svolgere la libera professione, occorre iscriversi all’Albo professionale presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili del circondario di residenza o domicilio. Dopo avere compiuto questo iter è possibile a lavorare.

Per quanto riguarda l’esame di Stato, il futuro commercialista deve sostenere diverse prove. Infatti, deve superare:

  • tre prove scritte, due scritte e una pratica, su ragioneria generale o applicata, tecnica bancaria, finanza aziendale, diritto privato, diritto commerciale, diritto fallimentare, diritto processuale civile, diritto del lavoro. La prova pratica, invece, prevede la redazione di atti relativi al contenzioso tributario;
  • una prova orale, accessibile solo dopo aver superato le tre prove scritte, su economia, finanza, matematica, statistica, politica e diritto.
No Comments

Post a Comment